Seleziona una pagina

ANELLO DI PRETARE

Fa parte della rete di sentieri storici che venivano usati un tempo per raggiungere i pascoli della zona di Prato Comune.
E’ un’escursione non lunga e facilmente percorribile da tutti ad eccezione di qualche piccola difficoltà per raggiungere la cima della Tesa.
L’itinerario è comunque particolarmente remunerativo sia per gli aspetti paesaggistici che per quelli ambientali.

Orario complessivo: 2h 30m / 3h 30m

ITINERARIO:
Lasciato il mezzo presso l’area SAE di Pretare (920 m), si sale verso la parte alta del paese lungo la SP89: si supera perciò sulla sinistra la struttura del Ristorante “Da Cavallo”, si attraversa tutto il viale alberato, voltando poi subito a sinistra e poi a destra. Si sale ancora lungo la SP89 e, giunti presso le ultime case del paese, nei pressi di una curva a sinistra si imbocca la strada asfaltata che lascia la provinciale proprio nei pressi della curva, con un muretto che circoscrive il cortile di una casa sul lato destro.
Presto l’asfalto lascia spazio alla sterrata. Ad un ampio tornante, mantenere la destra (966 m).
Da questo punto il sentiero costeggia per un lungo tratto il confine del Parco Nazionale dei Monti Sibillini e pertanto fino a quota 975 m è affiancato dalle tabelle perimetrali che riportano il caratteristico emblema.

Continuare a salire, passando sul versante opposto di Valle Stretta, fino a raggiungere una evidente traccia di mulattiera che riconduce fino alla SP89, la strada asfaltata che seguiremo per circa 50 m sulla destra.

Si raggiunge così Passo del Galluccio (1197 m), oltre il quale è posizionata una cabina dell’Enel.
Scendere verso destra fino a raggiungere in 5 minuti Colle il Galluccio (1175 m) dove occorrerà imboccare l’evidente mulattiera sulla destra prendendo così il sentiero 503 che conduce fino a Prato Comune.

Prima di raggiungere Prato Comune, all’altezza di un’alta sella sommitale (1100 m), si raggiunge in breve il Colle la Tesa (1171 m) dove è posta un’evidente croce in ferro .
Si rientra a destra, lasciando la strada brecciata (nr. 503) per il sentiero nr. 552 che entra in un bosco a prevalenza di quercia, scendendo con una serie di svolte in direzione sud-est. Si prosegue fintanto che il sentierino, sempre più largo ed evidente, rientra ancora nel bosco e raggiunge il Cimitero di Pretare (909 m).

Da qui, seguendo la stradina che parte dall’entrata della Chiesa, si supera un ponticello sul fosso del Morricone per tornare sulla provinciale che riconduce in breve al punto di partenza.

 

 

Si avvisano gli escursionisti della possibilità che alcuni tratti dei sentieri non risultino talvolta adeguatamente ripuliti (specialmente per via della ricrescita della vegetazione) e/o non adeguatamente segnati. Ass.ne Arquata Potest si scusa per eventuali disagi specificando in ogni caso che NON RISPONDE DI ALCUN TIPO DI RESPONSABILITA’, che rimane in via esclusiva in capo ai singoli escursionisti e frequentatori dei sentieri in questione.

Distanza: 6,3 km

Dislivello: 310 m

Quota minima: 940 m

Quota massima: 1250 m

Segnaletica: presente solo parzialmente

Sentieri: n° 552-503-551

traccia GPS